ANAFFABBETA E SIMPLICIUNI

U gnòrnu nna picciotta cammarera

pinzau di farisi zita all’ammucciuni

ma vitti l’a’ cosa chi si fici vera

ncunfidenza ci’u’ dissi o’ patruni.

U patruni, o’picciottu umanamenti

tu : a sta picciotta l’a’ vuliri beni

picc’a’ picciutta spurtunatamenti

povira figghia babbu ‘nnu ni teni.

O’ picciottu stu fattu un lu cunzola

e fici l’a’ facci comu un catinazzu

virdi la cera ‘u nasu, a mustazzola.

E’ veru pi stapicciotta sugnu pazzu

ma un trovu un pinzeri una parola

e dicu, sunn’avi babbu chi ni fazzu?

Questa voce è stata pubblicata in Poesie dialettali siciliane e contrassegnata con , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...