Mari di Portu Palu

Portu Palu u’mmari eccellenti

l’u’  bagnanti, ti trova  alligria

l’i’  fa’ goriri, a  tuti  cuntenti

chi taliannu l’ù  senzu smania.

NNi  finisci  l’u’ granni chifari

mentr’u’  suli l’i’ carni  fuchia

sta  caluri  ‘nn’àiut’a’ campari

Nni  l’i’ carni ti scava  è  zaffia.

Ci  sapi  dari l’a’  giusta  cutura

ten’u populu ‘ngranni  àrmunia.

Nichi  è  granni  li trovi arruffati

stinnicchiati,  e  cu  passa  talia

‘nni  l’a’  rina  li  trovi  affussati

Nenti  e  nuddu ti trova strania

‘Nnnamurati di l’lacqua,è la rina

mentr’ò   suli  l’ì carni ti speddi

pi  cu  cunta  l’a’ prima  vintina

fa  chi  scava  l’i’ zinni e li seddi

mentri l’occhiu nè carni l’affossa

mancu tocca, si pigghia la scossa.

Portu Palu  ci sapi  dari cunottu

pi cent’anni poi sempri campari

pur’u’ vecchiu, ritorna picciottu

picch’i’ carni l’ì senti avvambari

ringraziannu  l’u’ suli, e l’ù mari

‘u calannariu : ‘nn’aiut’a’ cuntari.

Questa voce è stata pubblicata in Poesie dialettali siciliane e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.

Una risposta a Mari di Portu Palu

  1. Giuseppe ha detto:

    Salve zio Paolo sono Pantaleo , il ragazzo che gli ha lavato l’auto … Sono meravigliato dei suoi lavori … Complimenti .. Dice nelle sue poesie, quello che oggi viene trascurato.. Senza Parole… Tantissimi saluti e un caloroso abbraccio …

Rispondi a Giuseppe Cancella risposta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...